Calalzo di Cadore (frazioni: Rizzios)

Comune di Calalzo di Cadore

Piazza IV Novembre 
32042 - Calalzo di Cadore (BL)
www.comune.calalzo.bl.it

Pro Loco di Calalzo di Cadore

sede: Piazza IV Novembre 2
tel. 0435 501603
prolococalalzo@dolomititerme.it
www.dolomititerme.it

Calalzo di Cadore (in ladino Cialauz) č un Comune Italiano di 2.251 abitanti della provincia di Belluno in Veneto. Sorge sulle rive occidentali del lago artificiale di Centro Cadore, alla destra del Moliną, suo tributario.A poche decine metri dal “Laghetto delle Tose” una stipe votiva di origine paleoveneta dimostra, assieme ad altri numerosi reperti bronzei la presenza di un antico luogo di culto e l’uso terapeutico delle acque sgorganti dalle sorgenti di Lagole da almeno 2500 anni

Chiesa si S. Anna - Rizzios

Periodo storico: fu iniziata nel 1632, ampliata e ultimata nel 1817
Ubicazione:  frazione Rizzios
Ingresso:  libero
Descrizione: al suo interno sono collocate pregevoli tele del Seicento veneziano con i ritratti dei conti di Collalto (Treviso), dei Foscari di Venezia, dei cardinali Giovanni e Daniele Delfino, del papa Innocenzo XI e dell'imperatore Leopoldo I. Il dipinto raffigurante Fra Antonio da Rizzios è attribuito al Bombelli, L'immacolata, regina del mondo, coi santi è di Giovanni Fossa, La Vergine annunciata con il Padreterno e La Vergine in gloria tra i santi sono di Gregorio Lazzarini, La Vergine e il Bimbo incoronati con santi francescani è attribuito a Pompeo Frigimelica.

Chiesa della Madonna del Caravaggio

Denominazione: chiesa della Madonna del Caravaggio
Periodo storico: fu fatta costruire nel 1822
Ubicazione: Strada per Praciadelan e Val d'oten
Ingresso:  libero
Descrizione: Particolare solennità riveste la data del 26 maggio, giorno in cui si celebra l'anniversario dell'apparizione della Madonna a Caravaggio, avvenuta ne 1432.

Lagole - Laghetto delle Tose

Uno dei luoghi più suggestivi del paese è la zona di Lagole. Un'area che racchiude, nascosta tra la vegetazione, una vera oasi di pace.
Stiamo parlando del "Laghetto delle Tose" e dei suoi dintorni; un angolo di paradiso immerso nel verde, ricco di sorgenti d’acqua sulfuree dalle indubbie proprietà terapeutiche, che fanno dell’area una stazione termale a cielo aperto, a libero accesso pubblico.

Tali elementi sono conosciuti dai locali fin dal III sec. a. C. quando il sito di Làgole divenne un complesso santuariale dove si celebravano culti legati alla libagione e al consumo rituale delle acque salutari.

Durante la campagna di scavi organizzata da Giovanni Battista Frescura e dal dott. Enrico De Lotto negli anni 1949-1952, vennero infatti alla luce numerosi manici di simpulum bronzei con iscrizioni in lingua venetica e latina, lamine lavorate a sbalzo e statuette di bronzo, attualmente conservati nel Museo Archeologico della Magnifica Comunità di Cadore

La zona archeologica di Lagole è la più interessante dell'alto bellunese e viene definita 'La fonte della civiltà del Cadore'.

Link utili:
www.comune.calalzo.bl.it
www.dolomititerme.it

Praciadelan - Val d'oten - Cascata delle Pile

La Val D'Oten è una lunga valle formata dalla catena delle Marmarole, che la chiude a nord ,e dal massiccio del monte Antelao, che la sovrasta a nord ovest.
Particolarmente amata dagli appassionati dell’alpinismo, è facilmente raggiungibile da località Praciadelan, da dove si possono compiere brevi e facili escursioni verso il laghetto detto di "Biguzzere" ad ovest, situato all'inizio del ripido sentiero che porta ai piani dell'Antelao, oppure verso la strada degli antichi fienili ad est.
Da qui si può risalire il ghiaione della Val d’Oten, a piedi o in macchina - lungo una strada sterrata di facile accesso, ma non sempre in buone condizioni a causa del continuo muoversi dei conoidi di ghiaia su cui è ricavata.  
Raggiunta la Capanna degli Alpini si può proseguire imboccando un semplice sentiero che, percorrendo uno stretto canalone scavato dall'acqua, conduce in una quindicina di minuti alla Cascata delle Pile, una stupenda cascata alta circa 25 m, inserita all'interno di una gola stretta di estrema suggestione.

Link utili:
www.comune.calalzo.bl.it

Rizzios

Rizzios è una antica borgata dove sono sapientemente conservate le caratteristiche essenziali degli antichi insediamenti abitativi cadorini. Il borgo è facilmente raggiungibile a piedi con una piacevole passeggiata in mezzo al bosco seguendo la vecchia strada contornata da muri a secco ed in alcuni tratti ciottolata.

Link utili:
www.comune.calalzo.bl.it

Moliną

La Localitą Molinà è così chiamata perché agli inizi dell'Ottocento veniva sfruttata attraverso dei "mulini" la corrente del fiume. In quest’area, nel 1878, Giovanni Lozza insieme ai due fratelli Frescura, avvia la primissima fabbrica di occhiali del mondo. Da quel momento l'industria dell'occhiale ha fatto sì che il Cadore divenisse famoso in ogni ogni luogo per la qualità e lo stile dei suoi prodotti.

Link utili:
www.museodellocchiale.it